Balzonero per la Fessa (cresta sud)

Itinerario molto aereo con il passaggio di un intaglio (detto la “Fessa”) attrezzato da una fune d’acciaio  e arrivo sul Balzonero che offre un panorama a 360° nonostante la quota non sia elevata. Ritorno in un ambiente mai banale. Solo per esperti.

Verso la vetta del Balzonero

Dal parcheggio in cima al paese Vico Pancellorum (LU) (656m), abbiamo preso un sentiero che sale fiancheggiando il versante est della cresta che culmina nel Balzonero. Dopo 20 minuti, in corrrispondenza di un cartello con scritto “Croce di castello”, abbiamo voltato a sinistra e, dopo un tratto a mezza costa (altri 10′), abbiamo abbandonato anche questo puntando decisamente a nord verso il crinale che poco dopo diventa roccioso e costringe ad aiutarsi talvolta con le mani.  La salita è entusiasmante perchè molto aerea e, per il tipo di progressione, faticosa ma divertente.

Dopo 1h35′ siamo giunti alla cima della Madonnina (*) presso la forcella della Fessa; qui è presente un cavo di acciaio con delle asole sia per la discesa che per la salita (**). Vittorio (che ha proposto e guidato l’itinerario), mi ha assicurato con una corda sia per la discesa che per la salita, mentre gli altri hanno superato l’ostacolo aiutandosi solo con il cavo. Con altri 35′ (2h40′), siamo giunti in cima al Balzonero (1315m) dal quale si godeva un bellissimo panorama a 360°. Infatti, nonostante il tempo intorno a noi non fosse stabile, durante la salita e sulla vetta siamo stati accompagnati dal sole e un discreto caldo.

Per il ritorno abbiamo seguito il sentiero CAI n°8 che scende prima verso nord, piega poi a sinistra e scorre sotto il versante ovest del Balzonero lungo la valle del torrente Coccia di Vico. Raggiunta la strada sterrata, per evitare di dover poi risalire al paese, in corrispondenza di un rubinetto, abbiamo deviato a sinistra su un sentiero che, rimanendo a mezza costa, segue l’acquedotto; qui si incontra anche un interessante ponte (sul quale siamo passati), che incorpora le tubature. Alla fine siamo sbucati proprio in corrispondenza del parcheggio (1h30′ dalla vetta).

(*) la piccola statua è scomparsa, (nota del giugno 2019)
(**) risistemato nel 2017

INFORMAZIONI
Partenza:  Vico Pancellorum, alto (LU) – (656m)
Data:           22/09/2012
Dislivello:    760m
Tempo:        4h10′
Difficoltà:     EEA
Cartografia: “Appennino modenese e pistoiese” (17-19) 1:25.000 ed. Multigraphic – Firenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.